Close
La secondaria in trasferta a Mantova e Cremona

5 Mag 2017

La secondaria in trasferta a Mantova e Cremona

Giovedì 21 aprile, ore 6 di mattina. Il cortile dei Salesiani è già animato dalle voci festanti dei ragazzi della secondaria in attesa di salire sul pullman che per due giorni li porterà a spasso tra Mantova e Cremona, le due belle località elette come meta della visita d’istruzione per l’anno scolastico 2016/2017…

“Dopo avere con molta calma, spensieratezza e una residua sonnolenza appoggiato le valige nel comodo baule del pullman GT a due piani della locale azienda di autoservizi “D’Orlando”, noi ragazzi e i nostri insegnanti prendiamo posto a bordo e via… pronti a trascorrere due fantastici giorni assieme, fuori casa e senza genitori!!! Dopo due ore il nostro autista Bepi, ferma il pullman per la prima sosta: finalmente si scende, si mangia qualcosa e si va al gabinetto.

Dopo la pausa, via di nuovo in direzione Mantova che raggiungiamo verso le 10.15, dopo un viaggio fatto di chiacchiere, canti, giochi e qualche piccolo e comprensibile rimprovero da parte degli insegnanti, infastiditi per il troppo chiasso. Scesi dal pullman possiamo osservare alla nostra destra il limpido Fiume Mincio e alla nostra sinistra la splendida cornice della città che ci apprestiamo a visitare. Incontratici con le guide, partiamo per visitare le vie del centro storico e il bellissimo Basilica di origine preromanica, ma ristrutturata definitivamente a partire dal 1472, su progetto di Leon Battista Alberti e su commissione del signore di Mantova Ludovico III Gonzaga e del figlio Francesco, cardinale.

Dopo la visita del centro, piuttosto movimentato per via del mercato settimanale, raggiungiamo in pullman il palazzo Te, un palazzo suburbano poco fuori Mantova realizzato dall’architetto italiano Giulio Romano tra il 1524 e il 1534 su commissione di Federico II Gonzaga. Il palazzo è l’opera più celebre di Giulio Romano e ha la pianta di una villa patrizia di epoca romana. Al suo interno rimaniamo colpiti dalle pareti affrescate, in modo particolare siamo incantati dall’impressionante effetto scenografico offertoci dalla Sala dei Giganti. Usciti dal sontuoso palazzo ci godiamo il nostro fantastico pranzo al sacco. Dopo esserci rifocillati ci rechiamo sulle sponde del Mincio per prendere posto su una bella motonave che ci porterà in navigazione per un’ora e mezza attraverso i laghi artificiali che i Gonzaga ottennero imbrigliando le acque del fiume.

Ci godiamo la navigazione osservando il ricco patrimonio ambientale e paesaggistico, chiacchierando e riposando le gambe. Tornati all’ormeggio e raggiunto il centro città, divisi a gruppi, finalmente  siamo lasciati liberi di girovagare per fare acquisti pazzi e concederci qualche golosità. Alle 18.30 siamo sul pullman che ci porta a Cremona, all’Hotel Continental dove ci aspettano una cena sfiziosa e delle lussuose e confortevoli camere.

Passata la notte, per alcuni molto movimentata, facciamo una robusta colazione, carichiamo i bagagli in corriera e a piedi raggiungiamo il centro storico di Cremona che abbiamo visto durante una breve passeggiata dopo la cena della sera precedente e che si trova a pochissimi minuti dal nostro albergo.

Un sacerdote del posto, carissimo amico della professoressa Sulligoi con grande disponibilità ci fa visitare la città e, raccomandati da lui, abbiamo persino il raro privilegio di visitare, divisi in piccoli gruppi, il fantastico laboratorio di un artigiano liutaio che vediamo all’opera nella costruzione di un violino. Verso mezzogiorno siamo di nuovo in pullman e via, alla volta del Parco Sigurtà presso Valeggio sul Mincio (VR) dove, dopo aver consumato il pranzo al sacco veniamo divisi in due gruppi, uno per guida e coinvolti in una stimolante attività di orienteering, dopodiché siamo liberi di esplorare questo meraviglioso parco naturalistico.

Ormai cotti saliamo sul pullman e, dopo un po’ di ritardo causato da un incidente in autostrada, approdiamo affamatissimi all’Isola della Pizza in quel di San daniele del Friuli dove ceniamo allegramente. Verso le 24 veniamo accolti dai nostri genitori davanti all’istituto. Che fantastica gita ragazzi!!!

Federico Bassanello e Matteo Zozzoli, classe II

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *